Le meraviglie del maka

(Colonna sonora obbligatoria:)

La trap, ormai ben stabilitasi in Italia, è probabimente il genere musicale che farà da marchio generazionale per gli adolescenti di oggi

mi spiace ragazzi, è fatta

(il che, mettendo in conto che noi ci siamo beccati gli 883 e Gigi D’Ag non è poi così male).

Sì, vale anche per i dissociati che si sono sfondati di black metal e rap.

Come è lecito aspettarsi da un genere musicale nato tra gli appartamenti abbandonati dove si sintetizza e si spaccia droga, l’uso di stupefacenti è un motivo costante nei testi delle canzoni trap, come pure aleggia continuamente nell’immagine di sé che danno i trapper. La cosa interessante è che fra le icone della trap italiana è entrato di prepotenza

perlopiù in maniera finemente sottintesa, come nella “Sciroppo” che spero stiate ascoltando

il purple drank, un beverone fatto con ghiaccio, Sprite e sciroppo per la tosse che contiene codeina; il risultato è il “succo rosa”, onnipresente nei testi di Sfera Ebbasta, Capo Plaza, Drefgold e colleghi. Agevolo:

https://www.instagram.com/p/BnORTRynpa9/?tagged=makatussin

Ok, bisogna ammettere che esteticamente è piuttosto figo.

Parentesi storica

Se, come è normale, non ve ne frega niente delle varie formulazioni del purple drank fra gli hippoppari degli anni ’90 a Houston, saltate pure al prossimo paragrafo.

Definire chimicamente il contenuto del purple drank è complicato dal fatto che le sostanza contenute variano a seconda degli sciroppi usati. L’uso della miscela origina nelle comunità hip-hop di Houston dei primi anni ’90, agli albori della trap: lo sciroppo utilizzato per il purple drank (o “lean”, o “sizzurp” – pronunciato più o meno “sìzarp”, nello slang statunitense) conteneva, oltre alla codeina, un altro principio attivo, la prometazina.

La prometazina è un antistaminico, ma in più è un forte sedativo ed è pure moderatamente antipsicotico…  in alte dosi (e indovina un po’ a che dosi si mette lo sciroppo, nel lean?), però, oltre ai forti effetti sedativi dà anche delle sgradevoli allucinazioni: stando agli utilizzatori, si vedono ombre agli angoli del campo visivo, si cominciano a sentire voci che sussurrano il proprio nome… roba brutta.

Un’altra formulazione piuttosto diffusa usa uno sciroppo che non contiene prometazina né codeina, ma il destrometorfano. Questo invece dà effetti dissociativi – in pratica, distorsioni di immagini e suoni, oltre ad un senso di leggerezza e di distacco dalla realtà.

Ah, il lean “tradizionale” viene preparato in un bicchiere di polistirene, con ghiaccio e aggiunta di alcune caramelle dure allo zucchero che, unite alla Mountain Dew (un analogo della nostra Sprite, via) danno una “botta” di dolce ad ogni sorso.
Oh, le tradizioni sono tradizioni.

Il maka

In realtà, il lean che si beveva nel Texas di venticinque anni fa c’entra fino ad un certo punto col “maka” continuamente nominato dai trapper italiani contemporanei, checché ne dicano gli hashtag di Instagram. Siccome la droga di strada viene preparata un po’ con quello che si ha a disposizione, dalle nostre parti la componente attiva dell’amabile bibitone rosa è data da un altro sciroppo, il Makatussin Comp.

Sciroppo
Che ha questa faccia qui
Ed ecco spiegato il nome “maka”, direi.

Il Makatussin Comp. contiene una buona quantità di codeina, oltre ad un altro principio attivo, la difenidramina. “Parente” della prometazina che si trova negli sciroppi statunitensi, il principale effetto collaterale grave dell’abuso di difenidramina nel breve termine sono le difficoltà respiratorie. E questo è un problema.

La codeina

Perché le difficoltà respiratorie sono il marchio di fabbrica degli effetti collaterali della codeina; il che è piuttosto logico, visto si tratta di una molecola che blocca la tosse a livello del midollo allungato, la parte del cervello che controlla sciocchezzuole involontarie come il battito cardiaco e, appunto, la respirazione.

La codeina viene utilizzata come antidolorifico e, soprattutto, come antitussivo (il Makatussin viene venduto come sciroppo per la tosse) dall’estrema efficacia per la tosse secca cronica.

E  ci credo, ferma il riflesso della tosse direttamente nel cervello

Ma anche “stica” della tosse, se uno si beve il maka. Già, perché si assume la codeina?
È piuttosto semplice capirlo dando un’occhiata all’aspetto della molecola:

Oppiacei
Và come son professionale ad usare MarvinSketch, và

La codeina è, come tutti gli oppioidi, praticamente identica alla morfina, una parente decisamente famosa. L’unica differenza è quel “CH3-O-” rispetto all'”HO-” della morfina.

Tecnicamente sono un gruppo metossi ed un ossidrile, ma anche “sticazzi”

Non è una gran differenza, no? Ed infatti non lo è neanche per l’organismo che, una volta che la codeina è entrata in circolo, ne trasforma una parte in morfina. L’entità di questa “parte” varia: di solito è intorno al 10%, ma qui entra prepotentemente in gioco la variabilità individuale. Alcuni individui hanno un metabolismo particolarmente attivo nel trasformare la codeina in morfina,

E’ una trasformazione a carico del CYP2D6, ed alcuni individui sono “metabolizzatori ultrarapidi” tramite il 2D6. Qua lo “sticazzi” esplode ed illumina l’avvenire, proprio.

il che li mette particolarmente a rischio di intossicazione acuta da morfina (vedi sopra alla voce “difficoltà respiratorie”… moltiplicato per dieci), oppure ne aumenta le chances di diventare dipendenti dalla codeina.

Perché il problema principale, probabilmente, è questo. Come accennavo sopra, la codeina è un oppioide naturale, ed in tossicologia “oppioide” è (scientificamente parlando) sinonimo di “causa una dipendenza della madonna“. Dipendenza fisica, fra le più ostiche da risolvere… “eroina” dovrebbe rendere l’idea (magari una volta ne parliamo, anche perché l’eroina ha un meccanismo d’azione davvero interessante).

Comunque, mettendo un attimo da parte i possibili problemi, l’assunzione di dosi massicce di codeina provoca (come è intuibile) effetti simili a quelli della morfina: sedazione immediata che si traduce in senso di rilassatezza e di mente sgombra ed euforia, che aiuta a rafforzare l’insorgere della dipendenza. Gli effetti sono comunque abbastanza moderati, specie se rapportati alla pericolosità della sostanza.

Un caso di cronaca

Il mio interessamento per la trap (mentre scrivo questa riga sto ascoltando “Tran tran” di Sfera Ebbasta… tò, ve la metto)

ha fatto il giro opposto: non mi sono interessato al maka ascoltando la trap, ma ho iniziato ad ascoltarla dopo aver scoperto che ‘sta cosa degli sciroppi alla codeina ha fatto capolino anche in Italia, sull’onda del lifestyle mostrato dai trapper nostrani.

https://www.instagram.com/p/BjnSAOFA7_m/?taken-by=drefgold

Però è una cosa cui Dref allude sempre in maniera sottile, va detto.

Non si tratta di una novità assoluta: già a fine 2015 Dolcevita ne parlava, riprendendo un articolo de Il Giorno in cui veniva raccontato come, sfruttando il fatto che il Makatussin in Svizzera viene venduto senza ricetta medica, i ragazzi del Nord Italia (e Lombardia in particolare) avessero preso a fare dei “pellegrinaggi” verso le farmacie svizzere per procurarsi il maka. La cosa viene raccontata in un reportage della RSI di marzo 2016,

con dei contenuti interessanti ma che trovo pervaso di un moralismo difficile da sopportare, ve lo dico

che però si colloca già in un momento in cui l’allerta era stata lanciata e le farmacie avevano già smesso di vendere il Makatussin Comp. ai minorenni.

Qualche considerazione

Questa la situazione sino a due anni fa; ed oggi? Non ne ho idea. Spentosi il fiorire di articoli a seguito dell’articolo de Il Giorno la notizia non venne seguito dai giornali (ma posso sbagliare), però è difficile che la moda si sia spenta… anche perché la codeina dà una discreta dipendenza, come scrivevo sopra. Verso la fine di quel periodo ci fu un articolo piuttosto polemico di Noisey che accennava al fatto che i “pellegrinaggi” si fossero spostati verso la Francia, il che è totalmente probabile.

Ad oggi il Makatussin Comp. è sparito dall’elenco dei prodotti della farmaceutica Gebro Pharma, che lo produce e rivende, ma dubito sia sparito anche dalle farmacie. Comprendo il tono polemico di Noisey.  La circolare citata nel reportage dice testualmente:

Visto quanto precede, raccomando a tutti i farmacisti del Cantone di essere molto restrittivi nel dare seguito alle richieste di Makatussin sciroppo da parte di adolescenti che potrebbero rientrare nel contesto descritto.

Erhm… che significa, esattamente? Che un adolescente che non rientra nel “contesto descritto” può acquistare tranquillamente il Makatussin a casse? E chi lo decide se un adolescente rientra nel “contesto descritto”? In base a cosa?

Mah.

Personalmente trovo il maka una droga… veramente del cacchio. Ma proprio come rapporto costi/benefici, dico: a conti fatti, si tratta di un qualcosa che dà effetti molto moderati, a fronte di rischi pazzeschi, sia in termini di intossicazione acuta, sia di dipendenza fisica. A quel punto, voglio dire…

Ho provato anch’io la codeina, fa più una canna

Lo dice un trapper eh, non un chimico

Quanto è ignorante, ‘sto video? Fantastico.

La ciliegina sulla torta

Uh già, dimenticavo: ho parlato degli effetti da intossicazione acuta, ma non di quelli da utilizzo cronico – che sono piuttosto rilevanti, visto che iniziano a manifestarsi già dopo un mese di utilizzo. A parte cose come l’aumentato rischio di morte in generale (che vabbè, detta così non fa molto effetto), l’uso degli sciroppi a base di codeina intacca l’integrità della materia bianca del cervello a livello microstrutturale, il che porta a comportamenti impulsivi accentuati

adolescenti più impulsivi… sembra esattamente ciò di cui avevamo bisogno.

Infine… tutti gli oppiodi portano alla stipsi. E quando si smette, beh… è meglio tenersi l’agenda vuota per un paio di giorni, fra, perché l’organismo ci metterà un po’ ad abituarsi e, come dire… quei due giorni li passerai seduto sul cesso.

View this post on Instagram

19/01 Sciroppo ft. @sferaebbasta 🍼

A post shared by KANAGLIA (@drefgold) on

Ci avevate pensato, voi due? No che non ci avevate pensato.

E se l’universo volesse proprio trollarti, mentre sarai lì sopra ti piglierà pure un attacco di tosse.


GRAZIE di aver letto sin qui! Fatemi sapere che ne pensate nei commenti e se avete correzioni, domande, curiosità, critiche o commenti vari da fare non esitatea farli, qui o tramite la pagina di Contatto!

E se l’articolo vi è piaciuto, condividetelo sui social, seguite il blog, la relativa pagina Facebook… vabbè dai, lo sapete come funziona, no?


 

2 pensieri riguardo “Le meraviglie del maka

  1. Vorrei aggiungere che la Mountain Dew contiene anche caffeina (a differenza della Sprite) che ha un effetto sinergico con la codeina… il Purple Drank originale è un pò uno Speedball dei poveri, insomma.

    "Mi piace"

Rispondi a PAOLO FIORE Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...